fbpx

VENDERE ONLINE FUNZIONA? SI, ma solo per la “MUCCA VIOLA”!

IL NOSTRO HALLOWEEN 2020
12 Novembre 2020
stay safe officine adv
Un Natale a prova di Covid-19!
7 Gennaio 2021

L’emergenza COVID-19 non ha stravolto solo le nostre vite, ma anche il mercato e il modo in cui le imprese si rivolgono ai consumatori per vendere i loro prodotti/servizi.

Molte aziende, anche piccole, per sopravvivere al lockdown e alla sospensione delle normali attività di vendita al pubblico e chiusura di locali, si sono dovute arrangiare, reinventare ed organizzare: per la maggior parte di esse la soluzione più ovvia è stata quella di aprire un e-commerce, lanciarsi sull’online e sfruttare le potenzialità della rete per continuare a vendere. Una rivoluzione che era già in atto ma che finora era perlopiù limitata alle grandi aziende e ai brand più importanti. A causa del Covid invece, praticamente ogni attività ha intrapreso questa strada, comprese le aziende locali e i piccoli artigiani, approfittando di questo momento di emergenza sanitaria per fare il “grande salto” ed ampliare il proprio bacino di clienti.

La conseguenza è che il mercato online, si è ritrovato all’improvviso praticamente già saturo: emergere in mezzo alla marea di venditori online, proporre soluzioni originali ed incuriosire il consumatore fino a portarlo all’acquisto, diventa sempre più difficile.

Come fare allora per DISTINGUERSI?

Ce lo spiega Seth Godin nel suo visionario libro “La Mucca Viola. Farsi notare (e fare fortuna) in un mondo tutto marrone”, pubblicato la prima volta nel 2002 ma più che mai attuale.

Che cosa hanno imprese internazionali come Apple, Google, Ikea, Starbucks o il macellaio Dario Cecchini, che voi non avete? Perché queste aziende continuano a stupire con il loro spettacolare successo, mentre le grandi marche di una volta arrancano a fatica alle loro spalle? Le P tradizionali come prezzo, promozione, pubblicità, posizionamento e altre che il marketing usa da tempo non funzionano più. Oggi, all’elenco, c’è da aggiungere un’altra P di importanza eccezionale: quella di Purple Cow, la Mucca Viola. Che non è una funzione di marketing a cui ricorrere a prodotto finito. La mucca viola è qualcosa di fenomenale, inatteso, entusiasmante e assolutamente incredibile che è dentro il prodotto. C’è o non c’è. Punto. In questo libro Seth Godin vi spiega come mettere una mucca viola in tutto ciò che ideate per arrivare a una soluzione che non passi inosservata. Un manifesto per chi vuole creare prodotti o servizi che rimangano memorabili. 

Seth Godin inizia il suo racconto con una riflessione del tutto personale: durante un viaggio in Francia con la sua famiglia, mentre percorrevano l’autostrada, tutti loro sono rimasti incantati ad osservare le centinaia di mucche che pascolavano nella campagna: un panorama tanto bello quanto monotono, perché dopo qualche chilometro le stesse mucche marroni, tutte uguali fra loro, che inizialmente avevano catturato e magnetizzato i loro sguardi, erano diventate scontate e banali, tanto da essere ignorate.

A quel punto solo una “MUCCA VIOLA” avrebbe suscitato stupore e nuova meraviglia.

Lo stesso, sostiene Godin, vale per il mercato: per emergere e farsi notare non basta esserci, occorre essere straordinari e diversi da tutti gli altri, proprio come una mucca viola in mezzo a tante mucche marroni. Attraverso un po’ di teoria e delle case study molto interessanti, Seth Godin ci spiega come aggiungere una mucca viola alla vostra strategia offline e online. Attraverso teoria e case study di brand più o meno noti, Seth Godin propone una strategia di marketing dello straordinario, ovvero l’arte di creare prodotti/servizi che non siano invisibili e destinati a svanire nel nulla dopo poco ma in grado di stupire, emergere rispetto al normale, far parlare di sé, suscitare interesse, rimanere impressi nel cuore e nella testa del consumatore anche dopo mesi/anni dal lancio.

Non contano dunque (o meglio, non bastano solo) i mezzi a disposizione, il fatturato o le dimensioni dell’azienda: ciò che conta veramente è l’idea che sta dietro al prodotto e l’utilità del servizio che offrite:

Non è necessario essere titolari di una multinazionale per avere l’idea vincente e garantire l’effetto ”wow” nella mente consumatore.